martedì 19 luglio 2016

++ MAXI BLITZ ++ Numerosi arresti. Poco fa la conferma: coinvolti anche parlamentari-

E' di 40 arresti e numerose perquisizioni il bilancio dell'operazione anti 'ndrangheta della Polizia e della Dia che si sta svolgendo in Liguria, Calabria, Lazio, Piemonte e in altre Regioni del nord Italia. Le misure, fa sapere in una nota la procura del Tribunale di Reggio Calabria-Direzione Distrettuale Antimafia, colpiscono "appartenenti ed affiliati alla 'ndrangheta delle cosche reggineRaso - Gullace - Albanese e Parrello - Gagliostro, a vario titolo indagati per i reati di associazione per delinquere di stampo mafioso, concorso esterno in associazione mafiosa, corruzione, intestazione fittizia di beni e società".
E' stato eseguito il sequestro preventivo di beni mobili, immobili, depositi bancari di numerose società riconducibili alle consorterie mafiose per un valore complessivo stimabile in circa 40 milioni di euro.
Tra gli indagati il deputato Giuseppe Galati, oggi esponente di Ala. Al parlamentare Galati "viene contestata una vicenda relativa a un terreno per agevolare la composizione di alcune tematiche che riguardavano la sospensione dei lavori in un’area vincolata di Roma", fa sapere la procura di Reggio Calabria. La stessa procura aveva avanzato una richiesta di misura cautelare ma il gip ha ritenuto che il quadro indiziario rappresentato non fosse grave, in particolare non era univoco il comportamento posto in essere né l’effettiva accettazione della promessa.
La Dda ha inoltre avanzato una richiesta di arresto per il senatore Antonio Caridi già indagato nell'inchiesta Mamma Santissima, eseguita dai carabinieri del Ros venerdì scorso. Il gip di Reggio Calabria ha tuttavia rigettato la richiesta perché ha sostenuto che l’accusa, sebbene riferibile a una cosca di ‘ndrangheta diversa, riguardasse la stessa contestazione per la quale è già stata ammessa nell’operazione Mamma Santissima. Sulla questione pende ancora la decisione della giunta per le autorizzazioni del Senato.
Nel corso delle indagini, spiega una nota della Dia, coordinate dalla Procura Distrettuale Antimafia di Reggio Calabria, sono stati accertati stabili collegamenti con le famiglie di origine da parte di esponenti dell’organizzazione mafiosa in Liguria, attivi in settori strategici imprenditoriali quali l’edilizia ed il movimento terra anche attraverso l’acquisizione di sub-appalti per la realizzazione dell’infrastruttura ferroviaria del “Terzo Valico”.
Sono emersi, continua la nota, contatti con politici locali, regionali e nazionali, nonché con funzionari dell’Agenzia delle Entrate e della Commissione Provinciale Tributaria di Reggio Calabria, volti a condizionare il loro operato con reciproco vantaggio. E’ stato eseguito il sequestro preventivo di beni mobili, immobili, depositi bancari di numerose società riconducibili alle consorterie mafiose per un valore complessivo stimabile in alcuni milioni di euro.

fonte; http://www.adnkronos.com/fatti/cronaca/2016/07/19/blitz-contro-ndrangheta-arresti-perquisizioni-tutta-italia-video_AgGbz9Z0AUr5Gx7lVvHfGO.html

14 commenti:

  1. e una porcheria bisogna arrestarli metterli in cella e buttare via la chiave

    RispondiElimina
  2. ma se i giudici continuano a trovare scuse per nn arrestarli, come si pretende di fare giustizia in questa Italia corrotta.

    RispondiElimina
  3. Il male ci sconfigge a monte ...giudici corrotti e servi del potere .

    RispondiElimina
  4. Il male ci sconfigge a monte ...giudici corrotti e servi del potere .

    RispondiElimina
  5. Bisogna che si decidano i Giudici onesti ad arrestare i Giudici porcheria.
    Il marcio dell'Italia e dentro gli studi legali.collegati ai giudici sporchi. Facendo questa pulizia partendo dalle sezioni fallimenti del tribunale la pentola e scoperta. Lo sanno anche i cani e bisogna scarcerato quel povero cristo che se beccato l'ergastolo a Milano

    RispondiElimina
    Risposte
    1. giustissimo!! W la legge Lazzati e il giudice Romano De Grazia promotore della stessa poi modificata dai parlamentari corrotti.

      Elimina
  6. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  7. Rimossi subito in blocco. Basta cosi!

    RispondiElimina
  8. pive governo ladro siamo sempre alle solite PUAH!! CHE SCHIFO

    RispondiElimina
  9. Io credo che se tutti quelli che hanno fame di giustizia di quella vera si fanno avanti informando tutti quelli che di politica non ne masticano per loro esiste solo il pallone e lo si mette davanti a i fatti perché no tutti ricordate vannosu internet su facebook x informarsi ma guardano il telegiornale spazzatura fatti da giornalisti altrettanto spazzatura servi delle lobbi,fprse il popolo cambia perché a mio avviso il popolo sa e vede ciò che questo potere di merda gli fa vedere a loro piacimento e quando una cosa gli scappa di mano ti puntano all'istante un caso banale per distratti i primi delinquenti sono i giornalisti servi del potete bisogna tutti impegnarsi affinché questo non succede non credete ai telegiornali

    RispondiElimina