lunedì 25 luglio 2016

Roma, blitz assessore Raggi M5s all’Ambiente nella sede Ama: “I romani hanno ragione, non state pulendo la città”

Paola Muraro si è presentata nella sede dell'azienda che gestisce i servizi ambientali della Capitale e ha chiesto un confronto con i vertici. Botta e risposta con l'amministratore delegato Fortini. Scontro sull'impianto di Rocca Cencia: "Va svuotato". La replica dell'ad: "E' stato affittato da Cerroni per togliersi di impiccio, ci deve essere un'autorità che ci dice di usarlo"

“Chi sbaglia in Ama deve pagare e i romani hanno ragione: non state pulendo la città. E’ il momento che vi assumiate le vostre responsabilità”. L’assessora all’Ambiente della giunta M5s a RomaPaola Muraro si è presentata a sorpresa nella sede direzionale dell’azienda partecipata della Capitale che gestisce i servizi ambientali e ha incontrato il presidente del cda Daniele Fortini. Il confronto è stato trasmesso in diretta su Facebook. “Non può”, ha detto Muraro, “passare il messaggio ‘tanto denunciate che non ci sanzionano’. Non esiste. Quando vedete sacchetti in strada li dovete raccogliere, non li potere lasciare lì. Io capisco tutte le difficoltà ma il vostro lo dovete fare”. Nel corso dell’incontro Muraro ha anche chiesto di vedere i capi d’area e ha voluto sapere chi di loro fosse in ferie.
Muraro si è poi rivolta ai vertici chiedendo un piano di intervento per la “normalità” da consegnare entro le prossime ore: “Non ci muoviamo da qui fino a quando non abbiamo un documento operativo di recupero. Lo scriviamo insieme, ora, perché Ama deve dare una risposta ai romani. C’è un contratto di servizio approvato a maggio, devono assolutamente spazzare le strade e raccogliere i rifiuti”. Per quanto riguarda la modalità di raccolta dei rifiuti, Muraro ha aggiunto: “Esiste un problema cronico di Ama, che passa alle ore in cui è stabilito e si disinteressa del dopo. Io ieri sono passata per le stradine vicino a via Nazionale. Ho visto montagne di sacchetti neri dalla sera prima. Non si può lasciarli lì in un momento di allerta terrorismo perché li potrebbe nascondersi una bomba”.
L’assessora ha poi chiesto come mai non sia stato segnalato il fatto che gli impianti per lo smaltimento dei rifiuti fossero già pieni a ottobre. “Perché non avete detto nulla? Ama la gestite voi, non io. Io sono qui perché bisogna agire, non possiamo più aspettare, Roma non può più aspettare. Perché non avete fatto le domande? Se avevate problemi a ottobre perché non lo avete detto? L’emergenza l’avete creata voi ed ora ve ne state lavando le mani”. Fortini ha ribattuto dicendo di aver segnalato il problema alla Regione: “Io ho scritto il primo giugno dicendo siamo in difficoltà sappiate che abbiamo bisogno d’aiuto. La risposta io non l’ho mai avuta”. Il presidente del cda ha poi segnalato problemi che riguardano le utenze: “Ci sono difficoltà di Ama dovute essenzialmente al malfunzionamento degli impianti ma anche purtroppo ai comportamenti dell’utenza. Il 50 per cento di quelle non domestiche, non conferisce correttamente nella raccolta differenziata”. E tra loro, stando ai controlli dei vigili del Pronto Intervento Centro storico-Decoro Urbano (Pics), “il 40% non paga la Tari“. Fortini ha poi rivendicato il lavoro svolto fino a questo momento: “Noi facciamo giri tutte le sere, io ho dato l’ordine di essere tutti giorni sul territorio”.
Muraro ha chiesto spiegazioni anche degli impianti di Salaria eRocca Cencia: “Stanno allo stremo, sono strapieni. Io vorrei che entrambi fossero svuotati”. Fortini però sul punto ha posto un problema: il tritovagliatorie di Rocca Cencia infatti è stato affittato dal re dei rifiuti Manlio Cerroni alla ditta Porcarelli. “Io non chiederò mai di utilizzare l’impianto di Cerroni”, ha detto Fortini. “O me lo dicono le autorità che è possibile, oppure senza gara non lo uso. L’impianto è di Cerroni, affittato ‘per togliersi d’impiccio‘ alla ditta Porcarelli, se questo impianto Ama lo deve usare, ci deve essere un’autorità che mi dice che lo posso fare”. “Se la Regione fissa la tariffa non ci sono più elementi ostativi?”, ha chiesto Muraro. E ha aggiunto: “L’emergenza l’avete creata voi, è una responsabilità grossa. Viene fuori che tu non glieli vuoi portare (a Cerroni, ndr) e la città è piena di rifiuti per strada”. “Senza la legge, senza gara, senza tariffe, non porto i rifiuti a spasso”, ha risposto l’ad di Ama. Sul punto è anche arrivata la replica della Regione: “Al momento l’impianto funziona con autorizzazione provinciale”, si legge in una nota. “Si fa presente che risulta agli atti dell’ufficio una nota del 20/6/2016 che il presidente Fortini scrive al Colari da dove emerge chiaramente che le valutazioni sono esclusivamente tra Ama ed i Colari e la Regione è totalmente esente da ogni ruolo. La scelta di utilizzare o non utilizzare il tritovagliatore è esclusivamente dell’Ama”.
fonte: http://www.ilfattoquotidiano.it/2016/07/25/roma-blitz-assessore-m5s-allambiente-nella-sede-ama-i-romani-hanno-ragione-non-state-pulendo-la-citta/2932434/

12 commenti:

  1. A mio parere occorre un'ordinanza del Sindaco che decreti l'urgenza rifiuti. quello che loro stanno facendo e' scaricare delle responsabilita' a fronte di problematiche che si trascinano da tempo e mai risolte, paravento di tutte le corruzioni e dei soldi mangiati sotto banco. il depistaggio rientra in questa ottica. e'un escamotage la storia degli impianti che pure esiste, in sostanza loro da sempre hanno saccheggiato in un contesto dove non deve funzionare nulla, e si sono impegnati molto bene per questo. quando scoperchierete la pentola per vedere cosa ce' dentro resterete allibiti. ho 15 anni di esperienzia dentro una municipazzata di Verona, AMIA, li ho combattuti fin che ho potuto, ma alla fine hanno vinto loro perche ero solo. nei primi mesi del 1995 mi sono stato costretto a licenziarmi, avevo denunciato con lettera al neoeletto Sindaco entrante Sironi che i concorsi erano tutti truccati. mi avrebbero reso la vita un inferno. Paolo Spallino

    RispondiElimina
  2. Il sig. Fortini non dica scempiaggini. Ad Acilia Ostia e Axa da mesi non si vedono scopini e tantomeno i camioncini che raccolgono l'immondizia lasciata sulle strade. E non dica che non lo sa perché sono state fatte migliaia di telefonate all'Ama rimaste inascoltate.Ma il personale che lavora all'Ama che fa durante il giorno? Va al mare? e lo stipendio lo prende regolarmente senza fare nulla?

    RispondiElimina
  3. C'è in atto una subdola macchinazione a boicottare la giunta Raggi. Il sistema mafio-politico, non ha ancora assorbito il colpo ricevuto, e per mezzo dei suoi sgherri da sostituire al più presto, cerca di mettere i bastoni tra le ruote della nuova amministrazione

    RispondiElimina
  4. azzerare tutto e tutti la mafia-politica deve essere sradicata in tutti i settori altrimenti non si va da nessuna parte AVANTI COSI RAGGI

    RispondiElimina
  5. Penalizzare con multe salate sullo stipendio di tutti i vertici e responsabili dell'AMA dal primo a l'ultimo e vedrete come si muovono le cose.

    RispondiElimina
  6. L'AMA DEVE ESSERE AZERATA SONO TUTTI COLLUSI COMINCIANDO DAI OPERATORI ECOLOGICI CHE NN FANNO UN CAZZO DALLA MATTINA ALLA SERA ESCVLUSI COLORO CHE RACCOLGONO CON I CAMION,BRUTTI STONZI



    RispondiElimina
  7. bisognerebbe licenziare tutti i vertici dell'AMA e vedrette come cambiano le cose!

    RispondiElimina
  8. Anche in zone Torre Maura tra rifiuti non raccolti e rovistaggio degli zingare e clandestini, topi e volpi siamo veramente arrivati alla fine. Non ce la facciamo più! Assolutamente azzerate i vertici e fate multe a chi non fa il proprio lavoro in ama perchè è questo che fanno dove lavoro io e questo io pretendo si faccia ovunque!

    RispondiElimina
  9. Chi ha colpa deve pagare di tasca sua , vanno decurtati gli stipendi a tutti i diregenti dell'ama

    RispondiElimina
  10. se non lavorano o lo fanno parzialmente tutti a casa ,licenziati e sostituiti con gente non raccomandata dai partiti assunta con regolare concorso.Sta gentaccia ha rotto le palle.

    RispondiElimina
  11. Bisogna cambiare le teste non le braccia. Gli operatori con i camioncini nongirano se non glielo dicono i capi. E' inutile licenziare loro se poi i capi assumono altro personale da stare fermo a non fare niente...

    RispondiElimina
  12. Ce tanta gente che vuole lavorare..per mandare avanti famiglie che nn ha soldi x oagare bollette o per mangiate licenzuateli tutti!

    RispondiElimina