giovedì 29 settembre 2016

ULTIM'ORA! E' INDAGATO IL BIG DEL PD, PROPRIO LUI! LA CLAMOROSA NOTIZIA E' APPENA ARRIVATA

Pressioni su nomine Asl di Napoli, indagato e perquisito big del Pd Franco Casillo


L'ex consigliere regionale campano Franco Casillo, padre del capogruppo Pd Mario Casillo, è indagato dalla Procura di Napoli per tentata concussione, traffico di influenze e corruzione elettorale per ottenere sostegno politico in favore del figlio e di altri candidati di consultazioni locali, nell'ambito dell'inchiesta sulle pressioni per costringere alle dimissioni i commissari di alcune Asl dopo l'elezione di Vincenzo De Luca a governatore della Campania. Lo riferisce Vincenzo Iurillo su ilfattoquotidiano.it 

In questa inchiesta è da tempo indagato Enrico Coscioni, consigliere per la sanità di De Luca, con l'accusa di tentata concussione. Nelle scorse ore i militari della Guardia di Finanza hanno eseguito nei confronti di Casillo un decreto di perquisizione firmato dal pm Giancarlo Novelli, del pool reati contro la pubblica amministrazione guidato dall'aggiunto Alfonso D'Avino. 

Perquisito il suo ufficio nella sede Pd di Boscoreale. Gli inquirenti sono alla ricerca di prove sui collegamenti tra Casillo e Coscioni e tra Casillo e le vicende oggetto delle indagini. Coscioni è accusato di aver esercitato indebite pressioni sui commissari dell'Asl Napoli 2, Asl Napoli 3 e dell'ospedale Cardarelli di Napoli. Ed in particolare avrebbe provato a 'dimissionare' il vecchio commissario dell'Asl Napoli 3 dicendogli "i sindaci non ti vogliono... Casillo non ti vuole...", per sollecitarlo ad abbandonare l'incarico prima della naturale scadenza, e così procedere subito a nuove nomine di professionisti di gradimento della nuova maggioranza politica. (ilfattoquotidiano.it


9 commenti:

  1. Quando un governo è stato costituito nella maniera che tutti conoscono è palese che è un tampone una pezza a tutto il mal governo della stivale in maggior modo nel sud che c'è molta manovalanza nel settore CORRUZIONE,questo mette in luce l'accanimento la ferocia che ha dimostrato alla televisione RONDOLINO contro il movimento 5 stelle pregandogli la morte a Di Maio denota che le 5 stelle sono un pericolo per gli INCIUCI politici e lui certamente non ha l'AUREOLA magari al contrario

    RispondiElimina
  2. Quando un governo è stato costituito nella maniera che tutti conoscono è palese che è un tampone una pezza a tutto il mal governo della stivale in maggior modo nel sud che c'è molta manovalanza nel settore CORRUZIONE,questo mette in luce l'accanimento la ferocia che ha dimostrato alla televisione RONDOLINO contro il movimento 5 stelle pregandogli la morte a Di Maio denota che le 5 stelle sono un pericolo per gli INCIUCI politici e lui certamente non ha l'AUREOLA magari al contrario

    RispondiElimina
  3. Quando un governo è stato costituito nella maniera che tutti conoscono è palese che è un tampone una pezza a tutto il mal governo della stivale in maggior modo nel sud che c'è molta manovalanza nel settore CORRUZIONE,questo mette in luce l'accanimento la ferocia che ha dimostrato alla televisione RONDOLINO contro il movimento 5 stelle pregandogli la morte a Di Maio denota che le 5 stelle sono un pericolo per gli INCIUCI politici e lui certamente non ha l'AUREOLA magari al contrario

    RispondiElimina
  4. Mi auguro che gli scettici comincino ad aprire la loro mente.

    RispondiElimina
  5. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  6. indagano e poi la passano tutti liscia,se io disoccupato che non ho reddito vado a rubare un kg di carne per sfamare me ed i miei cari mia arrestano e buttano la chiave,questa e la legge italiana solo i poverelli cacano il dazio, i potenti i politici i lobbisti sono liberi di fare ciò che vogliono questa e la terra dei kaki,la terra dei truffatori dei mafiosi dei politicanti collusi che fanno ciò che vogliono tanto la passano sempre liscia!

    RispondiElimina
  7. Speriamo che questa volta si arrivi fino in fondo

    RispondiElimina
  8. Speriamo che questa volta si arrivi fino in fondo

    RispondiElimina