sabato 12 agosto 2017

+++ ATTENZIONE - LA FAMIGLIA DI MATTEO RENZI - E' uscita questa clamorosa notizia..

Consip, Marco Lillo: ‘Hanno perquisito mio padre di 96 anni, ma non quello del leader Pd’


Marco Lillo è il giornalista del Fatto Quotidiano che per primo ha svelato lo scandalo Consip, con un articolo in cui anticipava che il ministro Luca Lotti era indagato.
Lillo ha poi pubblicato il libro “Di Padre in Figlio”, in cui racconta il familismo renziano e che contiene delle carte inedite sul caso Consip.
Mercoledì scorso l’abitazione romana del cronista è stata perquisita per rivelazione del segreto d’ufficio avvenuta attraverso la pubblicazione di questo libro.
In un’intervista al Corriere della Sera, Lillo ha raccontato la vicenda, dicendosi “allibito” in quanto “Hanno perquisito me, che non sono indagato, mio padre di 96 anni, la mia compagna e la mia ex. E non hanno perquisito Tiziano Renzi che invece è indagato”.
Riportiamo di seguito alcune domande dell’intervista:
Molti penseranno: se ne accorge ora che tocca a lui.
«Si, ho letto parole di soddisfazione anche per la perquisizione di Federica Sciarelli, che i pm di Roma accusano di avermi fatto da tramite con il pm Woodcock. E che invece so essere innocente».
Da frasi citate da La verità sembra che la Sciarelli ora ce l’abbia con lei. L’ha risentita?
«Oggi. Ma in quel momento stavo entrando dai finanzieri. Ha detto solo: “Avrai letto. Ma, come sai, io non parlo con nessuno…”».
Il tono era arrabbiato?
«Non mi sembrava. Non credo abbia detto che vuole strozzarmi. Anche se è a causa mia che le hanno preso il cellulare. Ma se avessero avuto le intercettazioni, invece dei tabulati, avrebbero capito di avere sbagliato. Io le ho chiesto se Woodcock era a Roma nel giorno della perquisizione alla Consip e lei mi ha detto no. Invece c’era, e il giorno dopo abbiamo riso».
Dalle celle telefoniche hanno visto che eravate vicini. Vi siete incontrati?
«Io ci abito in Prati, vicino alla Rai. Secondo me, anche la procura sa di avere sbagliato».

4 commenti:

  1. DA QUI SI CAPISCE CHE LA MAGISTRATURA E' CORROTTA DALLA P2 ALLA QUALE I RENZI APPARTENGONO. SE GLI ITALIANI DARANNO ANCORA IL VOTO A QUESTI LAZZARONI,SARANNO COMPLICI DELLE MALEFATTE . SI VOTA MOVIMENTO 5 STELLE E SI MANDANO TUTTI A FARE LA CACCA NEI CAMPI !!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

    RispondiElimina
  2. i renzi sono spavaldi perché si sentono protetti.dimenticano che quando il popolo italiano dice basta, non ci sono ne pidiotti ne piduini che tengano ! ! !

    RispondiElimina
  3. Andate sul mio accont Facebook: Antony Marino . Vedete di cosa e' responsabile Matteo Renzi e chi e' vicino a lui, vedremo come finira'.

    RispondiElimina
  4. in realtà il voto non l'ha mai preso da nessuno

    RispondiElimina